Scrivi e premi "invio"

NEWS

Home > News > Dettaglio News
14Mag

Cass. pen., Sez. IV, 14 dicembre 2017, n. 5477
Limiti e confini dell’obbligo del committente di verificare l’adempimento degli obblighi del coordinatore per la progettazione e del coordinatore per l'esecuzione dei lavori

Com’è noto la disciplina in materia di cantieri prevista dal Titolo IV D.lgs. n. 81/2008 prevede la possibilità per il committente, il quale non possa o non voglia gestire in proprio tale ruolo, di avvalersi della cooperazione di soggetti qualificati e dotati di particolari requisiti, quali i coordinatori per la progettazione ed esecuzione dei lavori. La designazione del coordinatore per la progettazione e del coordinatore per l'esecuzione dei lavori, tuttavia, ai sensi dell’art. 93, comma 2, non esonera il committente o il responsabile dei lavori dalle responsabilità connesse alla verifica dell'adempimento degli obblighi di cui agli articoli 91, comma 1, e 92, comma 1, lettere a), b), c) d) ed e).
Ciò premesso la Corte di Cassazione, nella pronuncia in esame, ha precisato che gli obblighi del committente vanno tenuti nettamente distinti da quelli del nominato coordinatore per la progettazione ed esecuzione dei lavori, che deve avere specifici requisiti, tali da assicurare una competenza tecnica, di cui il primo può essere privo. Tali obblighi, ad avviso della Suprema Corte, “si riducono nel controllo della materiale e regolare esecuzione, da parte del coordinatore, dei suoi compiti e non nella sua integrale sostituzione”.
In particolare, la sentenza in parola ha chiarito che l’obbligo del committente di verificare l'adempimento dell’obbligo del coordinatore di predisporre il piano di sicurezza e coordinamento non può tradursi nell’ integrale e piena responsabilità del committente per il contenuto di tale documento. D’altro canto, come osserva la Cassazione, “il committente non può ingerirsi, in considerazione sia della sua competenza sia del sistema normativo complessivo, nella redazione del piano, di cui risponde il coordinatore”. L’obbligo di verifica gravante in capo al committente, pertanto, non può che comportare esclusivamente “il controllo della elaborazione del documento e della sua non evidente e macroscopica inadeguatezza o illegalità”.


 
Avv. Chiara Giuntelli
Studio Lageard

Condividi:

PROSSIMI CORSI IN PARTENZA

Primo soccorso
 

Frontale completa

17 Luglio
Durata: 4 ore

Iscriviti al corso >

Antincendio
 

Frontale completa

5,12 Luglio
Durata: 16 ore

Iscriviti al corso >

Antincendio
 

Frontale completa

12 Luglio
Durata: 5 ore

Iscriviti al corso >

Antincendio
 

Frontale completa

5 Luglio
Durata: 2 ore

Iscriviti al corso >

Antincendio
 

Frontale completa

5,12 Luglio
Durata: 8 ore

Iscriviti al corso >

Antincendio
 

Frontale completa

5 Luglio
Durata: 4 ore

Iscriviti al corso >
SCOPRI TUTTI I CORSI DISPONIBILI

NEWS

News

LA PREVENZIONE INCENDI NEGLI EDIFICI DI CIVILE...

L'introduzione del D. M. del 25 gennaio 2019, entrato in vigore il 6 maggio 2019, ha comportato una modifica alle norme di...

Continua a leggere...

News

NUOVA PROCEDURA PER DENUNCIA IMPIANTI

A partire dal 27 maggio 2019 i seguenti servizi di certificazione e verifica di impianti e apparecchi devono essere richiesti...

Continua a leggere...

News

Cass. pen., Sez. IV, 16 gennaio 2019, n....

La Corte di Cassazione, nella pronuncia in parola, ha affermato il principio secondo il quale “ciascuna impresa che collabori...

Continua a leggere...

News

Obblighi e responsabilità del committente. Cass....

Con riguardo alla responsabilità del committente, la Corte di Cassazione ha recentemente ricordato il principio secondo...

Continua a leggere...

ARCHIVIO NEWS