Scrivi e premi "invio"

NEWS

Home > News > Dettaglio News
26Ott

Covid-19: le novità del nuovo DPCM

Tutti gli aggiornamenti del Dpcm del 24 ottobre 2020 firmato dal Presidente Conte

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato un nuovo DPCM che impone nuove restrizioni che entreranno in vigore a partire da lunedì 26 ottobre 2020 e fino al 24 novembre.
 

Le restrizioni riguardano in particolare bar, pub, ristoranti, pasticcerie e gelateria che potranno svolgere le loro attività a partire dalle ore 05:00 fino alle ore 18:00, anche nei giorni festivi. Il consumo al tavolo sarà consentito per un massimo di quattro persone per tavolo, salvo che siano tutti conviventi.
 

Resta, invece, consentita la ristorazione con consegna a domicilio e quella negli alberghi e nelle strutture ricettive ma solo per i propri clienti.

Resteranno inoltre chiuse palestre, piscine, sale giochi, sale da scommesse e anche le discoteche continueranno a rimanere chiuse.
 

Novità anche per il settore scolastico: nessuna restrizione per l’attività didattica educativa per il primo ciclo d’istruzione ovvero materna, elementari e medie.
Le scuole superiori, invece, adotteranno la didattica a distanza pari al 75% delle attività e dunque un 25% in presenza su tutto il territorio nazionale, uniformando le ordinanze regionali.
 



Le raccomandazioni

No agli spostamenti non necessari
Il nuovo DPCM raccomanda «a tutte le persone fisiche di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi». Dunque, si esce di casa solo per casi strettamente necessari, evitando attività non essenziali. Al momento nessuna limitazione alla mobilità tra comuni o regioni.


No agli ospiti in casa
Con riguardo alle abitazioni private, «è fortemente raccomandato di non ricevere persone diverse dai conviventi salvo che per esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza». Ai datori di lavoro privati si raccomanda «fortemente l’utilizzo della modalità di lavoro agile». Più smart working, meno lavoro dall’ufficio.

 

 

Le misure

Locali aperti dalle 5 alle 18

Per «bar, ristoranti, pub, gelaterie e pasticcerie» l’apertura è prevista dalle 5 alle 18, con servizio ai tavoli da massimo quattro persone «salvo che siano tutti conviventi». L’asporto e il servizio a domicilio sono consentiti fino alle 24; vietato, quindi, consumare cibi e bevande nei locali e nelle vicinanze dopo le 18. Restano aperti «gli esercizi di somministrazione alimenti e bevande nelle aree di servizio e nei rifornimento carburante nelle autostrade».

Obbligo delle mascherine

Il DPCM prevede «l’obbligo di avere sempre con sé dispositivi di protezione delle vie respiratorie nonché l’obbligo di indossarli nei luoghi al chiuso e in tutti i luoghi all’aperto a eccezione dei casi in cui sia garantita in modo continuativo la condizione di isolamento rispetto a persone non conviventi». Esclusi dall’obbligo della mascherina solo:

  • i bambini sotto i 6 anni, chi svolge attività sportiva (purché rispettosi del distanziamento);
  • i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso dei dispositivi di protezione individuale.




Stop feste di matrimonio o battesimo

Per quanto non vengano fermate le cerimonie religiose, come battesimi e matrimoni, sono vietate le feste che ne seguono, con l’eliminazione quindi del limite dei 30 partecipanti, in vigore con il precedente DPCM.

Stop a palestre e piscine, sì allo sport all’aperto

Si fermano palestre alle piscine. Sospesi gli eventi e le competizioni sportive degli sport individuali e di squadra. Chiudono anche centri benessere e termali, tranne quelli che «erogano prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza». Sospesa l’attività sportiva dilettantistica di base e gli sport di contatto. Rimane consentita l’attività sportiva all’aperto sempre con distanziamento.
Chiusi, inoltre, gli impianti sciistici. Gli stessi, però, possono essere «utilizzati solo da parte di atleti professionisti e non professionisti, riconosciuti di interesse nazionale da Coni e Cip per permettere la preparazione finalizzata allo svolgimento di competizioni sportive nazionali e internazionali». Gli impianti sono aperti agli sciatori amatoriali – si legge – «solo subordinatamente all’adozione di linee guida da parte della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome» e comunque dovranno essere validate dal Cts.

Didattica a distanza nelle scuole

Il DPCM chiede espressamente alle «istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado» di «incrementare il ricorso alla didattica digitale integrata per un quota pari almeno al 75% modulando la gestione degli orari di ingresso e uscita degli alunni anche con turni pomeridiani». L’ingresso a scuola non deve avvenire «prima delle 9», l’obiettivo è quello di evitare orari di punta, specialmente sui mezzi pubblici sovraffollati. Sono sospesi i viaggi d’istruzione e le visite guidate.

Stop a teatri e cinema, restano aperti i musei

Chiudono anche cinema e teatri («sospesi gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto e cinematografiche»), come conferma il ministro dei Beni e delle Attività culturali Dario Franceschini. Restano aperti, invece, i musei «a condizione che garantiscono modalità di fruizione contingentata o comunque tali da evitare assembramenti di persone e da consentire che i visitatori possano rispettare la distanza tra loro di almeno un metro».

Stop a convegni e fiere

Stop anche a sagre, fiere, convegni e congressi concedendo a ogni manifestazione pubblica lo svolgimento solo «in forma statica» e sempre con il rispetto del distanziamento. Salta il divieto per concorsi pubblici e privati che, invece, era stato inserito nell’ultima bozza del DPCM. Sospese sale gioco, sale scommesse, bingo e casinò; stop a «sale da ballo, discoteche e locali assimilati all’aperto o al chiuso».

Condividi:

PROSSIMI CORSI IN PARTENZA

Primo soccorso
 

Frontale completa

09,16 Dicembre 2020
Durata: 6 ore

Iscriviti al corso >

Primo soccorso
 

Frontale completa

16 Dicembre 2020
Durata: 4 ore

Iscriviti al corso >

Primo soccorso
 

Frontale completa

2,9,16 Dicembre 2020
Durata: 12 ore

Iscriviti al corso >

Antincendio
 

Frontale completa

3,10 Dicembre 2020
Durata: 8 ore

Iscriviti al corso >

Antincendio
 

Frontale completa

3,10 Dicembre 2020
Durata: 16 ore

Iscriviti al corso >

Antincendio
 

Frontale completa

10 Dicembre 2020
Durata: 5 ore

Iscriviti al corso >
SCOPRI TUTTI I CORSI DISPONIBILI

NEWS

News

Covid-19: le novità del nuovo DPCM Tutti...

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato un nuovo DPCM che impone nuove restrizioni che entreranno in vigore...

Continua a leggere...

News

Ripartiamo in sicurezza. Piano di lavoro...

L'emergenza sanitaria derivante dal virus SARS-COV-2 (“CORONAVIRUS”), ha richiesto ad ogni Azienda, cittadino o professionista...

Continua a leggere...

News

Temperature estreme e infortuni: un rischio...

Lo studio promosso dall'Inail e realizzato nell'ambito del progetto Beep (Big data in epidemiologia ambientale e occupazionale)...

Continua a leggere...

News

Contagio Covid-19: infortunio del Lavoratore...

L'infortunio dipendente dall'infezione da Covid-19 non fa discendere automaticamente la responsabilità civile o penale del...

Continua a leggere...

ARCHIVIO NEWS